giovedì 23 aprile 2015

Frittata con carciofi e porri su insalatina con avocado

Già! La frittata è uno di quei comfort food, di quei piatti che la mamma o la zia ci preparavano fin da quando eravamo piccoli, tra due fette di pane era una bontà…ma lo è ancora! Per la merenda del pomeriggio ma anche per la prima colazione è ottima, sopratutto se ce n'è uno spicchio avanzato in frigo dal giorno prima…sempre che ne rimanga. La frittata è una di quelle preparazioni più versatili in cucina, con le patate, con gli asparagi, le zucchine, i funghi, con le cipolle o con il pomodoro, come si usa dalle mie parti, nelle Marche, e anche con i carciofi, proprio quella che ho preparato. Insomma è un piatto per tutte le stagioni, basta aggiungere la verdura di stagione che più ci piace e il gioco è fatto. Si può cucinare in padella o in teglia e far cuocere in forno, alta o bassa a seconda della larghezza della padella o teglia. Insomma un piatto abbastanza facile e molto ghiotto e...mi piace condividerlo con voi. Buon divertimento in cucina!

Frittata con carciofi, porri e erbe profumate
3 carciofi
40 g di porro compresa la parte verde
40 g di cipollotto bianco
1,5 dl di vino bianco 
3 uova medie
1 dl di latte 
1 cucchiaio di Parmigiano Reggiano
1 cucchiaio di Pecorino
un bel mazzetto di erba cipollina
3 rametti di maggiorana
1 avocado
insalata mista
succo di 1 limone + 1 cucchiaio o 1 dl di aceto bianco 
Olio EVO
aceto di mele
sale e pepe
Taglia i gambi dei carciofi alla base del fiore e con un coltellino affilato togli la parte esterna più fibrosa,  tagliali a tronchetti di un cm circa poi mettili in una ciotola con acqua acidulata con il succo di limone o aceto bianco per non farli annerire.  Priva i carciofi delle foglie esterne più dure, spuntali, tagliali a metà, elimina le barbe, tagliali a fettine e metti anche loro nella ciotola con acqua. Scola i carciofi mettili in una padella, di circa 20 cm di diametro, è quella che ho usato io, con un paio di cucchiai d'olio evo e il cucchiaio di succo di limone, copri e fai stufare per 5 minuti circa su fuoco basso rigirandoli almeno una volta 
Unisci il porro tagliato a fettine e fai insaporire per un paio di minuti, sfuma con il vino bianco e fai evaporare quasi completamente
Aggiungi il cipollotto tagliato a meta e poi a fettine, copri e continua la cottura ancora per 4 o 5 minuti su fuoco basso mescolando di tanto in tanto, sistema di sale
In una terrina riunisci le uova, il latte, il Parmigiano, il pecorino, metà dell'erba cipollina tagliuzzata, le foglioline di maggiorana, una presa di sale e una macinata di pepe, mescola bene gli ingredienti
Aggiungi un cucchiaio di olio evo nella padella con i carciofi poi versa le uova sui carciofi, copri e fai cuocere su fuoco medio/basso in modo che cuocia in modo uniforme e non bruci alla base 
Quando la parte superiore sarà chiara e ancora morbida copri la padella con un piatto più largo della stessa, rigira la padella in modo da far cadere la frittata sul piatto poi falla scivolare di nuovo nella padella e fai cuocere ancora per pochi minuti muovendo la padella in modo da non farla attaccare sul fondo
Rigira la frittata sul piatto o su un tagliere, tagliala a spicchi. Riunisci in una capace ciotola l'insalata spezzata, l'erba cipollina tagliata in due o tre parti, l'avocado sbucciato e tagliato a fettine irregolari, condisci con una vinaigrette preparata con olio evo, l'aceto di mele, un pizzico di sale e una macinata di pepe. Metti sui piatti le fettine di frittata, completa con l'insalata e…
Buon Appetito!
















martedì 21 aprile 2015

Riso rosso con Baccalà e Finocchi stufati

Oggi cuciniamo con le barbabietole, con il succo della barbabietola. Questo risotto è un piatto che solamente a guardarlo ci dà carica con il suo colore. Siamo nella stagione degli alimenti rossi, fragole, ciliegie…siamo in primavera e abbiamo bisogno anche di alimenti rossi per risvegliarci e ricaricare le batterie.
Non so se a voi piacciono le barbabietole ma io ne vado matta! Forse non le avete mai assaggiate crude o non avete mai utilizzato o cotto il tubero nella vostra cucina, sono deliziose, altro che quelle comprate nei sacchetti sottovuoto, ma in mancanza di meglio possiamo utilizzare anche quelle già pronte.
E il succo? Non voglio farla difficile chiedendovi se l'avete mai preparato in casa con la centrifuga, voglio farla più semplice. Parlo del succo di barbabietola già pronto in bottiglia o in piccoli tetrapak, io li trovo alla bottega biologica da cui mi servo. Lo so', alcuni di voi storceranno il naso dicendo…"ma è dolce! come si può cucinare con la barbabietola?" 
Ma se Madre Terra ci ha regalato un tubero così meraviglioso perché non utilizzarlo anche nei nostri piatti?! Ed è anche molto versatile.
Cosa vi ricorda il suo colore? Un colore rosso, rosso sangue, molto vicino al colore del nostro sangue, rosso come il primo chakra, rosso come la passione e rosso come il rosso con cui coloriamo il cuore per dire "ti amo" "ti voglio bene", rosso con quella nota dolce che tutti noi abbiamo nel cuore, quella dolcezza che cerchiamo in uno sguardo, in un abbraccio…insomma la "VITA".

Alcune piccole informazioni, la barbabietola ha un alto contenuto in vitamine come Vit A, C e Vit del gruppo B tra cui spicca l'acido folico, con una maggiore percentuale se cruda, e poi sali minerali come calcio, sodio, potassio, fosforo, ferro e magnesio, e anche i nitrati che pare siano in grado di potenziare i muscoli e da alcuni studi sembra che dopo aver somministrato del succo di barbabietola a dei ciclisti prima di una prova questi hanno migliorato le loro prestazioni. Non mi allungo in queste chiacchiere, io sono pronta a cucinare e altre informazioni le potete trovare quiqui e qui

Riso rosso con baccalà e finocchi stufati
240 gr di Riso Baldo
2 dl di vino bianco secco
150 g di finocchio già pulito
200 gr di baccalà spinato e privato della pelle
2 dl di succo di barbabietola
4 dl circa di brodo vegetale o acqua
1 cipolla
5 bei rametti di maggiorana
1 spicchio di aglio
30 g di burro ( facoltativo)
Olio EVO
sale e pepe nero

Fai tostare per un paio di minuti il riso in una casseruola con due cucchiai di olio evo mescolando di tanto in tanto. Unisci la cipolla tritata e 2 rametti di maggiorana, che toglierai a fine cottura, fai insaporire per 2 o 3 minuti quindi sfuma con il vino bianco e fai evaporare completamente. Aggiungi il succo di barbabietola caldo e fai ridurre della metà poi versa il brodo vegetale, sempre caldo, un poco alla volta e mescola di tanto in tanto
Nel frattempo che il riso cuoce fai saltare, per alcuni minuti, in una padella il finocchio tagliato a dadi con un cucchiaio d'olio e lo spicchio d'aglio sbucciato e tagliato a filetti, aggiungi 1,5 dl di brodo vegetale per aiutare la cottura e lasciarlo morbido, copri e fai cuocere per 5 minuti su fuoco basso, sistema di sale.
Aggiungi, 3 o 4 minuti prima della fine cottura del riso, poco meno della metà dei finocchi, il baccalà tagliato a dadi grossolani e ancora un poco di brodo, mescola bene in modo da amalgamare bene gli ingredienti e lasciarlo morbido. Puoi completare mantecando con il burro ma è facoltativo
Impiatta il risotto, suddividi i finocchi e competa con le foglioline di maggiorana, un giro d'olio e una macinata di pepe e…
Buon Appetito!










lunedì 20 aprile 2015

Portobello con crema d'avocado e ragù con cipollotti e finocchi

Ben ritrovati a tutti! È arrivato il momento di tornare nella mia cucina, anche se i fuochi non si sono mai spenti, ma alcuni eventi mi hanno portata ad allontanarmi da questo spazio o meglio mi hanno portata ad essere più presente e dedicare più tempo a mia mamma, alla casa ma anche a me stessa e alla banda dei pelosi, i miei gatti. A proposito dei miei pelosi a luglio dello scorso anno Scrissi, la vecchietta di casa, la gattina che era con me fin dai tempi della mia vita milanese, se n'è andata alla veneranda età di 21 anni. Mi si è spezzato il cuore e, come in altre situazioni di grandissimo stress, ho somatizzato con placche alla gola e una sorta di otite pazzesca che ho risolto con dosi massicce di rimedi a base di semi di pompelmo.
Ma ora torniamo sui nostri fuochi. Per quanto riguarda questa cucina virtuale stiamo lavorando per "cambiare l'arredamento" e nel frattempo riprendo il filo lasciato un po' di tempo fa, come al solito vi proporrò le mie ricette con i vari passaggi, cercherò di trasmettervi il mio divertimento in cucina e la gioia della condivisione del cibo preparato. Vi auguro e mi auguro una buona vita e buon divertimento in cucina!

Portobello con crema di avocado, ragù di macinato, cipollotti e finocchi

4 Portobello da 100 g circa l'uno
200 g di carne macinata di vitellone
dl 1,5 di vino bianco secco
100 g di cipollotto tra bianco e rosso, compresa la parte verde
150 g di finocchi già puliti
1 avocado
1 cucchiaio di succo di limone
un mazzetto di erba cipollina
4 rametti di salvia
Olio EVO
Sale e Pepe

per le patate arrosto:
500 g di patate piccole
1 cucchiaio di rosmarino tritato
2 spicchi di aglio tritati
Olio EVO
Sale e Pepe

In una ciotola schiaccia grossolanamente l'avocado, aggiungi il succo di limone, 2 cucchiai d'olio evo, l'erba cipollina tritata, un pizzico di sale e una macinata di pepe, mescola
Lava bene le patate, poi tagliale in 3 o 4 pezzi e mettile in una ciotola con il rosmarino e l'aglio tritati, condisci con 3 cucchiai d'olio e un pizzico di sale, mescola bene poi trasferisci le patate in una teglia in un solo strato
Cuoci in forno riscaldato a 190° per 25 minuti circa
Nel frattempo pulisci i funghi, elimina il gambo e, aiutandoti con un cucchiaino, togli le lamelle. Ungi con un poco di olio evo e falli cuocere su una griglia, già calda, con la salvia rigirando i funghi durante la cottura
Rosola la carne macinata in una padella con un cucchiaio d'olio evo mescolando spesso, sfuma con il vino e fai evaporare quasi completamente. Aggiungi i cipollotti tagliati a fettine non troppo sottili, tieni da parte la parte verde, e fai cuocere su fuoco medio per 5 minuti mescolando spesso poi trasferisci la preparazione in una ciotola
Nella stessa padella fai cuocere, sempre su fuoco medio e per 4 minuti circa, i finocchi tagliati a dadi con un rametto di salvia e un cucchiaio d'olio evo
Riunisci la carne e i cipollotti nella padella con i finocchi, bagna con un poco di brodo vegetale o acqua già caldi, sistema di sale e fai insaporire ancora per un paio di minuti. Fuori dal fuoco aggiungi la parte verde dei cipollotti tagliata a fettine e le barbe dei finocchi tagliuzzate
Spalma la crema di avocado all'interno di ciascun fungo poi suddividi la preparazione con la carne e le verdure su ciascun fungo. Completa il piatto con le patate arrosto
Puoi servire i funghi anche tagliandoli a metà e spalmare la crema di avocado sulla metà che appoggi nel piatto poi suddividi la preparazione con carne e verdure e ricopri con l'altra metà del fungo e servi come fosse un panino
Buon Appetito!
















Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...