venerdì 29 aprile 2016

Crescia farcita con ragù bianco e carciofi e un'insalatina di pomodori e ravanelli

A volte faccio la spesa avendo in mente cosa fare ma poi…cambio idea ed anche in questo caso è successo, spero accada anche a voi!
L'idea era di preparare un ragù classico, magari da mettere anche in congelatore per qualche imprevisto e poi…arriva l'imprevisto!
Amici che non vedevo da un po' e cosa c'è di meglio che invitarli a rimanere a cena. Allora è il momento di improvvisare sopratutto se l'ingrediente base non è sufficiente per poter preparare un hamburger ciascuno.
Avrei anche potuto fare una pasta con questo ragù ma un panino può dare la stessa sensazione di comfort food per rilassarsi a tavola tra chiacchiere e amici. 
Ho sostituito la crescia al pane, questa è una via di mezzo tra una focaccia e una piada ma è una preparazione tipica delle Marche, sopratutto dell'entroterra. 
Si cuoce sulla griglia e dalle mie parti, nelle Marche, si usa mangiarla calda e farcita con i salumi, ottimo è il ciauscolo o con le "erbe trovate", che sono erbe selvatiche miste, lessate e ripassate in padella, si può farcire anche con la cicoria o bietole. Mi piace preparare questi "panini", sopratutto per la sera, un po' scomposti dove ci si sporca le mani nel mangiarli. Mi raccomando di scegliere una buona birra artigianale o un buon bicchiere di vino e godere della serata e della compagnia. Buon divertimento!
Ingredienti
250 g di carne macinata
150 ml di vino bianco secco
1 crescia grande o focaccia
6/8 carciofi medi o 4 carciofi
1 avocado maturo
2 arance al naturale
2 limoni al naturale
salvia, rosmarino e menta
1 aglio fresco compresa la parte verde
Olio EVO
sale, pepe

per la salsa:
2 pomodori
parte verde di 1 cipollotto 
6 ravanelli
succo di limone
Olio EVO
sale, peperoncino in polvere

Taglia a metà l'avocato, elimina il nocciolo e poi la buccia, taglialo grossolanamente poi metti la polpa in una ciotola con 2 cucchiai di olio evo, un pizzico di sale e qualche goccia di limone e con una forchetta schiacciala grossolanamente 
Pulisci i carciofi eliminando le foglie esterne più dure e il gambo che potrai usare per una zuppa, taglia la punta poi tagliali in 4 o 6 spicchi e mettili in una capace terrina con acqua acidulata con il succo di 1 limone e lascia nell'acqua anche le due metà dei limoni spremuti.
In una padella già calda rosola la carne macinata con un cucchiaio d' olio evo, sfuma con il vino, fai evaporare e trasferisci la carne in una ciotola. 
Scola i carciofi e mettili nella padella calda con un poco d'olio evo, le erbe aromatiche e la parte bianca  dell'aglio tagliato a rondelle e fai insaporire, su fuoco medio, per cinque minuti mescolando spesso
Bagna con il succo di mezzo limone, unisci la parte verde dell'aglio tritata grossolanamente e fai cuocere per 6/7 minuti, su fuoco medio, mescolando di tanto in tanto, sistema di sale
Unisci la carne macinata, un poco di brodo vegetale o acqua ben caldo, copri e fai cuocere per altri 5 minuti circa
In una terrina riunisci i pomodori privati dei semi e tagliati a dadi, i ravanelli a fettine sottili, la parte verde del cipollotto a rondelle, un pizzico di sale e di peperoncino. Condisci con un poco d'olio evo, mescola e lascia riposare
Taglia le arancie a vivo in modo da non lasciare la parte bianca alla polpa poi ottieni delle fette non troppo sottili.
Taglia la crescia a metà nel senso della larghezza poi in 4 spicchi grandi. Suddividi la polpa di avocado sulla base della crescia scaldata, o focaccia, e  poi le fette di arancia
Suddividi il ragù con i carciofi, l'insalatina con il pomodoro, i ravanelli e il suo sugo, completa con un filo d'olio evo e una macinata di pepe, appoggia la parte superiore della crescia sulla preparazione e…
Buon Appetito!











2 commenti:

  1. benchè da noi la crescia sia tanto diversa, questo ragù è molto interessante!! baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Marisa! è gustosissimo :) Cmq anche nelle Marche la Crescia è differente a secondo della provincia che vai. Nel pesarese c'è la crescia sfogliata che è tipo piadina e nel maceratese, ma non solo, la crescia è tipo una focaccia, tutte e due, con le loro variazioni, buonissime ;)

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...